Sicilia e Calabria nel progetto “Sicilia terra d’approdi”

In Arte e Artisti by Roberto Cristiano

Sicilia e Calabria unite nel nome dei Gagini: i lavora a un museo diffuso che valorizza l’opera dei famosi scultori

L’assessore Samonà: “Un progetto che rafforza il legame culturale tra due regioni in cui sono forti gli elementi identitari comuni”

 “La presenza nella Sicilia Orientale dei Gagini di Bissone e l’Umanesimo della Rinascita tra XV e XVI secolo” è il titolo del convegno che durante la primavera 2022 concluderà i lavori del progetto “Sicilia terra di approdi” dedicato alla valorizzazione del genio artistico della famiglia dei Gagini, attraverso un itinerario che coinvolge la Sicilia e la Calabria.

Il progetto, promosso dalla Soprintendenza dei Beni culturali di Catania, diretta da Donatella Aprile e realizzato in collaborazione con la città metropolitana di Reggio Calabria e la provincia di Vibo Valentia, è stato finanziato dall’Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana con lo scopo di far conoscere l’opera dei Gagini in Sicilia rafforzando il legame culturale con la Calabria. Attraverso la produzione scultorea dei Gagini, infatti, il progetto tende a ricostruire un ideale percorso che, dal Canton Ticino, luogo di nascita di Domenico Gagini giunge, attraverso la Toscana e poi la Corte di Alfonso d’Aragona a Napoli, in Sicilia e Calabria dove i pregiati artisti ebbero numerose committenze.