Meloni: Subito price cap europeo

In Politica by Eugenio Bernardo

“Chiunque dovesse governare questo Paese non erediterà una situazione facile per i nostri conti pubblici e per una serie di fattori macroeconomici. Questa non è la situazione migliore in cui ritrovarsi a governare questa nazione dopo il voto del 25 settembre. E credo che serva molta lucidità, buon senso e un discreto coraggio per realizzare in tempi rapidi provvedimenti chiari, comprensibili”. Sono le parole del leader di FdI, Giorgia Meloni, in collegamento con Confartigianato. “Tutte le risorse si possono e devono trovare, ma bisogna fare attenzione e lo dico anche rispetto alla polemica sullo scostamento di bilancio: 30 miliardi è un pozzo senza fondo, se non mettiamo un tetto al prezzo del gas, cioè non basteranno 30 miliardi non ne basteranno 50 né 100”. Il Superbonus “è una misura che va rivista, uniformando il sistema delle agevolazioni sull’edilizia. Lo indirizzerei verso la prima casa, ma bisogna senza dubbio tutelare gli esodati del 110%. A chi ha iniziato i lavori non si possono modificare le norme”, dice il numero uno di FdI. “La sfida ora è soprattutto sul price cap europeo, è l’unica soluzione efficace perché taglia la speculazione. L’altra misura efficace anche a livello nazionale, perché l’Europa è lenta, è il disaccoppiamento tra il prezzo del gas e quello delle fonti di energia elettrica”. Per Giorgia Meloni servirebbero circa “3-4 miliardi di euro da qui a marzo come copertura. Per trovarli, si possono usare i fondi della nuova programmazione europea visto che siamo di fronte a un’emergenza”.