Green pass: oltraggio e resistenza, 5 mesi a no vax Trieste

In Cronaca, Italia by Luca Teolato

Il Tribunale di Trieste ha condannato a 5 mesi di reclusione, con la condizionale, e al pagamento delle spese processuali il leader del movimento 3V Ugo Rossi e consigliere comunale a Trieste, accusato di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate per fatti avvenuti il 21 settembre scorso fuori da un ufficio postale di Trieste, in viale Sanzio. Lo rende noto lo stesso Rossi sulla sua pagina Facebook. A settembre Rossi, ingegnere, 30 anni, originario di Palmanova (Udine), candidato a sindaco di Trieste, era stato arrestato dai carabinieri dopo un parapiglia in seguito al rifiuto di alcune persone d’indossare la mascherina. A dicembre il pm Pietro Montrone, nell’ambito del processo per direttissima, aveva chiesto un anno e sei mesi senza la condizionale.

“Ricorreremo in appello – annuncia Rossi – non ci fermeremo, andremo fino in Cassazione”. Rossi afferma che “è stato violato il suo diritto alla difesa” in quanto che il suo avvocato, Giuseppe Turco, è stato bloccato all’ingresso del Tribunale “perché era senza Green pass”. “Ha l’esenzione medica, che non gli è stata riconosciuta”, dice ancora Rossi: “Mi è stato assegnato un avvocato d’ufficio contro la mia volontà”.