Quirinale, Massimo Cacciari vede Mario Draghi fuori dalla corsa al Colle

In Politica by Roberto Cristiano

Massimo Cacciari analizza la votazione in corso per il Quirinale. “La soluzione ideale sarebbe quella del bis di Mattarella con Draghi che resta a Palazzo Chigi. La soluzione più ragionevole, ma anche irrealizzabile visto che la situazione si è ormai incancrenita. Ormai si è quasi ufficialmente espressa la volontà del premier di trasferirsi al Quirinale per diventare presidente della Repubblica. E a questo punto anche le forze politiche che lo voterebbero per il Colle iniziano a mettersi di traverso. Presto Draghi si farà da parte nella partita del Capo dello Stato e andrà avanti con il suo governo con chiunque andrà al Quirinale. Ovviamente, purtroppo, avremo un Presidente di serie B o di serie C. E’ impensabile che questi partiti siano in grado di eleggere un Giuliano Amato o una personalità di grande spicco”, spiega in una intervista a Affaritaliani.it.

“Probabilmente arriveremo all’ennesima vittoria di Pirro di Matteo Renzi, di Pirro perché poi alle elezioni politiche verrà massacrato, con l’elezione di Pierferdinando Casini, vero candidato fin dall’inizio del leader di Italia Viva. Centrosinistra e Centrodestra stanno dimostrando di non essere minimamente coesi al loro interno. La destra perfino peggio della sinistra, ma era impossibile pensare che sarebbero usciti meglio di come sono entrati”.