E’ morto Tito Stagno, raccontò lo sbarco sulla luna

In Cronaca, Italia by Luca Teolato

È morto all’età di 92 anni Tito Stagno, giornalista, conduttore televisivo e telecronista sportivo, volto storico della Rai. Il suo nome resta legato per sempre alla sera del 20 luglio 1969, quando raccontò ai telespettatori lo sbarco sulla Luna, la diretta televisiva commentata insieme a Ruggero Orlando da Houston, con cui ebbe anche un battibecco. Da analisi successive delle registrazioni è emerso che Tito Stagno annunciò l’allunaggio con 56 secondi di anticipo e Orlando con circa 10 secondi di ritardo. Quel “toccato” è comunque rimasto nell’immaginario collettivo degli italiani. In seguito, si è dedicato alla cronaca sportiva, sempre per la Rai, di cui è stato per anni uno dei volti più riconoscibili e apprezzati. Nato a Cagliari nel 1930, primo di otto fratelli, lavora alla radio giovanissimo: a 19 anni comincia una delle carriere più straordinarie della storia della televisione. È il telecronista delle visite dei Capi di Stato in Italia, comprese quelle dei reali d’Inghilterra e di John Fitzgerald Kennedy, e dei gravi fatti d’America del 1963 e del 1968.

È l’inviato al seguito di due papi (Giovanni XXIII e Paolo VI) e di due presidenti della Repubblica (Antonio Segni e Giuseppe Saragat). Al seguito di Paolo VI realizza le telecronache dalla Terrasanta, dalla Colombia e da New York. È stato uno dei più popolari conduttori del telegiornale negli anni sessanta e nei primi anni settanta. Nel 1961 fu il telecronista che commentò il primo volo di Jurij Gagarin intorno alla Terra. Il fervore e l’esattezza con cui parlò dell’impresa ebbero tali consensi da indurre i dirigenti Rai ad affidargli le trasmissioni in diretta e i servizi del telegiornale in occasione di tutti i lanci di sonde spaziali o astronavi pilotate. Conobbe gli artefici principali della conquista della Luna e poté vedere nascere le macchine che avrebbero portato l’uomo sul satellite. Per 17 anni è poi stato responsabile dello Sport su Rai Uno. Cura la trasmissione La Domenica Sportiva (dal 1976 al 1991 con Carlo Sassi e dal 1991 al 1993 con Alfredo Pigna) oltre a esserne anche il conduttore, insieme ad altri, dal 1979 al 1981 e nella stagione 1985-1986. Andato in pensione, continua a scrivere per L’Eco di Bergamo e la Gazzetta di Parma.