Giarrusso lascia il M5S: Fondo un partito. Conte: Si dimetta subito

In Politica by Eugenio Bernardo

Il M5S perde un pezzo da novanta. La ex Iena ed europarlamentare Dino Giarrusso lascia il Movimento 5 Stelle ed annuncia di voler fondare un nuovo partito politico. Lo annuncia in tv, ospite della trasmissione ‘Coffee Break’ su La7. E lo fa lanciando accuse forti al Movimento. Innanzitutto denuncia un ostracismo, un veto, nei suoi confronti da parte della dirigenza del partito che gli vieta di essere invitato nelle trasmissioni televisive. “Ci sono persone pagate dal M5s che chiamano le tv e dicono di non invitare Giarrusso. Persone pagate da me, che do più di tremila euro alla comunicazione”, accusa Giarrusso. E poi lo snaturamento politico del M5S. “Non sono io che lascio il M5S, ma è il M5S che ha perso i suoi valori, stando in un governo che non ci rispetta, che ha visto morire i valori del Movimento, Di Battista ha lasciato proprio quando abbiamo deciso di appoggiare Draghi”, dice in tv. E in un post pubblicato su Facebook, spiega. “Ma come si fa a girare per l’Italia dicendo cose giuste e constatare che il Movimento fa spessissimo il contrario di quel che dice? Come si fa a restare nel governo Draghi quando arrivano veri e propri sfregi agli italiani, cittadini e imprese, come l’affossamento scientifico del superbonus 110? Come si fa a vedere che una guerra per bande sta massacrando il progetto, il meraviglioso sogno, di Beppe e Gianroberto e qualche poltronaro incallito sta umiliando quel gentiluomo di Giuseppe Conte portando il Movimento a scelte suicide e azzerando la base, cacciando gli attivisti, ignorando i territori?”. Tanto che giudica Conte come il miglior premier “degli ultimi 20 anni: in Europa ha saputo difendere l’Italia rischiando, gli altri eurodeputati venivano da noi a dire che era un fenomeno. La mia stima per la persona è massima e tale resterà”. E poi l’annuncio finale. “Fonderò un nuovo movimento, non solo con i fuoriusciti dal M5s ma anche con tutti quelli che sono scontenti, soprattutto al sud. Non ho sentito Di Battista su questo”. 

Durissima la risposta nel presidente del M5S a Dino Giarrusso.  “Va via e annuncia un nuovo Movimento. E’ un elemento di chiarezza perché noi subiamo già quotidianamente diffusi attacchi dall’esterno, non abbiamo bisogno di persone che all’interno del Movimento lavorano per danneggiarci”, dice Giuseppe Conte, a margine di un convegno alla Sapienza. “Giarrusso l’ho incontrato tante volte, ci ho parlato tante volte al telefono. L’ho incontrato sei sette volte nel mio studio privato, anche di domenica. Mi ha sempre parlato e chiesto poltrone, posizioni, vicepresidente, delegati territoriali e via discorrendo. Non ho mai avvertito che ci fosse un dissenso politico, vengo a sapere oggi per la prima volta che la ragione del dissenso sarebbe il fatto che non è favorevole al sostegno al governo Draghi”, le parole del leader M5S. E ancora: “Giarrusso oggi ha l’occasione di essere coerente. Richiamo alle sue parole e a una sua convinta motivazione: chi lascia il M5S, ha detto in passato, deve lasciare anche l’incarico ottenuto tramite il M5S. Lui è europarlamentare e per il Movimento questa posizione è strategica sia conseguente, lasci anche quell’incarico”.