Rifugiati ucraini in Italia: Dalla Banca d’Italia via libera al cambio di banconote ucraine in euro

In Economia by Eugenio Bernardo

La Banca d’Italia, l’ABI e diverse banche italiane scendono in campo per contribuire a dare sostegno alla popolazione ucraina  colpita dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ed attualmente ospitata in Italia. L’istituto di via Nazionale ha stipulato un accordo con la Banca Nazionale Ucraina per consentire alle persone sfollate presenti sul territorio italiano il cambio delle banconote ucraine (grivnie) in euro. Una decisione, frutto dell’impegno del responsabile del Servizio Gestione circolazione monetaria della Banca d’Italia, Antonio D’Ista, che ha dato seguito alle indicazioni contenute nella Raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea del 19 aprile 2022 e alle previsioni del D.L. n. 50 del 17 maggio 2022 (art. 47).

L’accordo consentirà agli sfollati ucraini, inclusi i minori, in possesso di un permesso di soggiorno per protezione temporanea o che abbiano ottenuto il riconoscimento della protezione internazionale, di cambiare fino a 10.000 grivnie per persona (pari a circa 300 euro) a partire dal 21 giugno. Le operazioni di cambio saranno gratuite e non sarà necessaria l’apertura di un conto. La lista delle Sedi e delle Filiali della Banca d’Italia e degli sportelli delle banche che offriranno il servizio (oltre 400 nel Paese) è disponibile sul sito della Banca d’Italia al seguente indirizzo https://www.bancaditalia.it/focus/cambio-euro-ukr/regioni/index.html e verrà aggiornata qualora necessario.

Il tasso di cambio applicato è stabilito dalla Banca Nazionale Ucraina e pubblicato sul sito della Banca d’Italia, in italiano e ucraino, al seguente indirizzo https://www.bancaditalia.it/focus/cambio-euro-ukr/index.html. Allo stesso indirizzo sono disponibili, in entrambe le lingue, ulteriori informazioni utili per accedere alle operazioni di cambio.