CentroDestra. Salvini: Chi prende più voti sarà premier

In News by Eugenio Bernardo

“Meno tempo si passa a litigare e meglio è, sceglieranno gli italiani, non vedo dove sia il problema. Chi prende un voto in più sceglie, vince e governa, non capisco dove sia il problema. Meno tempo si passa a litigare e meglio è, sceglieranno gli italiani, che votano il 25 settembre”. Sono queste le parole del segretario della Lega, Matteo Salvini ospite di Non Stop News su Rtl 102.5 parlano del nodo della premiership. E ha aggiunto: “Stamattina riunisco tutti i ministri e i governatori della Lega perché c’è il taglio dell’Iva sul pane, pasta, riso, latte, frutta e verdura che si può ottenere già questa settimana. Di questo mi vorrei occupare. Passare le giornate su leadership, collegi e candidature mi sembra tempo perso”. 

“Il centrodestra ha tre leader in campo, più altri amici, chi di questi prende un voto in più perché gli italiani gli danno fiducia sceglie. Oggi come faccio a dirlo? La mia ambizione è di essere il più scelto, per me sarebbe un onore prendere in mano il Paese”. Per Salvini “passare giornate a discutere sulla leadership e le candidature è tempo perso. Domani  all’incontro che avremo inviterò Meloni e Berlusconi a concentrarsi solo sui programmi”. Quanto alla Lega, alle elezioni “non mi accontento di meno del 20%, ci arriviamo”. Poi, sugli addii in Forza Italia: “Mi stupisce che gente eletta con il centrodestra, che ha governato per il centrodestra fino a ieri poi, allegramente, come Brunetta e Gelmini, dicono vado a sinistra. Io ho la stessa tessera di partito da 30 anni. Non mi piacciono quelli che passano dal Milan all’Inter, dalla Roma alla Lazio, da destra a sinistra. Quelli che cambiano partito da sera a mattina non rispettano gli elettori”. “La difficoltà sarà governare questo Paese che avrà una crisi economica in autunno, non saranno rose e fiori. Noi la affronteremo con l’idea di investire sul lavoro”, spiega Matteo Salvini, ospite di Non Stop News su Rtl 102.5