ROMA. Tutti i vincitori del Festival Cinema D’Idea – Women’s International Film Festival

In Spettacolo by Roberto Cristiano

Si è conclusa domenica scorsa la 5° edizione del Festival Cinema d’iDEA – Women’s International Film Festival, diretto da Patrizia Fregonese de Filippo, che quest’anno si è tenuta sia in presenza che in diretta streaming sulla piattaforma francese Cinecapsule, a cui hanno partecipato tutti i premiati.

La giuria di addetti ai lavori – presieduta da Rosa Pianeta (attrice e pittrice) e composta da Lorena Villareal (regista messicana), Lampo Calenda (produttore), Flavia Laviosa (Professoressa di Cinema alla Wellesley University di Boston) e Antonio Falduto (sceneggiatore e regista) – ha premiato come Miglior Film Desrances di Apolline Traoré.

L’iraniano African Violet di Mona Zandi Haghighi si è aggiudicato il premio come Miglior Sceneggiatura assegnato a Hamid Reza Bababeighi per “l’originalità del tema.

Il Miglior Documentario è andato a 6 Angry Women di Megan Jones, un’inchiesta incalzante sul tema dell’abuso.  “Nell’opera c’è il capovolgimento della questione dell’abuso, che in questo caso è perpetrato ai danni di un uomo. Un fatto antico, accaduto in Nuova Zelanda, che rimane, purtroppo, attuale, dopo più di 30 anni.

Il premio come Miglior Attrice, assegnato da Domizia De Rosa, Presidente della Women in Film Tv & Media Italia, è andato a Mihaela Stamenkovic per il film serbo Spring Poem di Natalija Avramovic, una coraggiosa opera prima.rate e capite”.

Il premio come Miglior colonna sonora, invece, è andato a Ehsan Sedigh per Janbal di Mina Bozorgmehr e Hadi Kamali Moghadam, “per aver reso la musica elemento fondamentale e pregnante del film, armonizzandola magnificamente con le immagini, dando così enfasi alla surrealità, alla bellezza e alla sacralità della visione del film stesso”.

Assegnate anche due menzioni speciali: a Mother of The Earth di Mahnaz Afzali è andata la Menzione speciale Women That Make a Difference – Donne che fanno la differenza: “Per averci fatto conoscere una donna caparbia e meravigliosa, che con l’aiuto del marito, lotta in Iran per un problema che accomuna tutti i paesi del mondo, quello dei rifiuti, universalmente critico. A Gracefully di Arash Es’hagi la Menzione speciale della Giuria “per l’originalità del soggetto che racconta la passione di una vita di un modesto agricoltore di un piccolo centro dell’Iran, per le danze tradizionali in abiti femminili e del difficile rapporto con la famiglia, la comunità locale e le autorità politico-religiose e per il linguaggio del film che in perfetta  sintonia con la materia narrativa ne permette una trasparente e veritiera  evidenza”.

Il Miglior Cortometraggio l’ha visto vincere l’Italia con In The Image Of God di Bianca Rondolino, giovanissima regista al suo primo lavoro,  “per aver saputo raccontare in 15 minuti, in maniera compiuta, un tema così intimo, complesso ed importante, facendoci conoscere una realtà spesso ignorata.

La Giuria composta dagli studenti della Scuola Marco Polo di Tombolo, provincia di Padova, seguiti dalla Prof. Daniela Toniolo, ha premiato come Miglior Cortometraggio: Through the Looking Glass di Morgane Polanski, meravigliando tutti perché i ragazzi, per lo più quattordicenni, hanno scelto un tema importante, serio e forse troppo poco dibattuto, come quello della vecchiaia e dell’ego.

Si è conclusa così con molti applausi e commozione la 5° edizione del Festival Cinema d’iDEA, realizzato dall’Associazione culturale La Tribù dell’Arte, che è diventato un vero e proprio punto di riferimento e d’incontro, oltre che una vetrina per il talento ed il lavoro femminile, combattendo la scarsa presenza del punto di vista femminile, troppo spesso completamente assente, ma fondamentale per la società. Per questo, il Festival – diretto dalla regista e autrice Patrizia Fregonese de Filippo, vicepresidente dell’Associazione – ogni anno si batte per delle reali “pari opportunità”, portando all’attenzione del pubblico numerosi film che sarebbero altrimenti invisibili, diretti da donne provenienti da tutto il mondo, con uno speciale Focus sull’Iran. Il prossimo step sarà riuscire a distribuirli capillarmente e portarli nelle scuole con il Progetto di Cinema e Scuola.