Sequestrato ponte Morandi a Catanzaro, utilizzata malta scadente

In Cronaca by Alessandro Triolo

La Guardia di Finanza di Catanzaro, nell’ambito dell’operazione “Brooklyn”, questa mattina ha tratto in arresto quattro persone, tre in carcere e uno ai domiciliari, per gravi indizi legati a reati tributari, riciclaggio, autoriciclaggio, reimpiego e trasferimento fraudolento di valori. Le indagini hanno evidenziato come due imprenditori, operanti nel settore delle costruzioni e dei lavori stradali, abbiano comunque costituito delle società intestandole fittiziamente a una loro collaboratrice, pur mantenendone il controllo di fatto. Poi con la complicità di un direttore dei lavori e di un ingegnere dell’Anas, avrebbero impiegato per i lavori di manutenzione straordinaria a loro appaltati un tipo di malta di qualità scadente. Posti sotto sequestro sia il viadotto Morandi – stesso ingegnere del ponte crollato a Genova – di Catanzaro sia un tratto della statale 280 dei “due mari”.
Oltretutto è anche emersa l’appartenenza dei due imprenditori ad associazioni per delinquere.