Air Italy licenzia 1322 dipendenti

In Politica by Roberto Cristiano

Per il trasporto aereo italiano, il 2022 si apre nel peggior dei modi. L’invio delle lettere di licenziamento ai 1322 dipendenti di Air Italy ha reciso la speranza di un miracolo in extremis per prorogare per un anno la cassa integrazione guadagni. Con questo epilogo, si complica la crisi acuta in cui da tempo versa il settore e che il Covid non ha fatto altro che aggravare.

“Incredibile e inaccettabile la vicenda dei lavoratori di Air Italy, la seconda compagnia aerea italiana. Sono arrivate le lettere che lasciano 1322 persone in mezzo a una strada e condannano a morte un altro pezzo di trasporto aereo italiano. Nell’inerzia più assoluta del ‘governo dei migliori’, che proroga il reddito di cittadinanza ma non difende il lavoro vero degli italiani“. Un commento di fuoco quello che Giorgia Meloni posta dai suoi profili social. Il dramma dei lavoratori di Air Italy è l’emblema di un fallimento. La raffigurazione plastica dell’incapacità di tutelare il lavoro vero. La prova provata che il reddito di cittadinanza rifinanziato e irrobustito in manovra, al netto di furbetti e quant’altro, non produce lavoro.