Parlamento europeo, Roberta Metsola è la nuova presidente

In Mondo by Eugenio Bernardo

Il nuovo presidente del Parlamento europeo è la maltese Roberta Metsola. La candidata del Ppe, è stata con  458 voti a favore su 690, le schede bianche e nulle sono state 74, i voti espressi sono stati 617. Il successore di David Sassoli Eletta è stato eletto del suo compleanno ed è il più giovane presidente Ue. Nata il 18 gennaio 1979 a San Giuliano, Malta, compie proprio oggi 43 anni tanto che gli eurodeputati dopo la sua elezione hanno cantato “Happy Birthday”.

La candidata dei Verdi, la svedese Alice Kuhnke, ha ottenuto 101 voti, mentre quella de La Sinistra, la spagnola Sira Rego, 57. “Onorerò David Sassoli come presidente battendomi sempre per l’Europa. Lui era un combattente per l’Europa. Credeva nel potere dell’Europa. Grazie David. Voglio che le persone recuperino un senso di fede ed entusiasmo nei confronti del nostro progetto. Credo in uno spazio condiviso più giusto, equo e solidale”, sono state le prime parole della neopresidente nell’Assemblea del Parlamento europeo. “La disinformazione nel periodo pandemico ha alimentato isolazionismo, e nazionalismo, queste sono false illusioni, l’Europa è l’esatto opposto di questo”, ha aggiunto. Al primo puto nell’agenda del nuovo presidente c’è la lotta ai cambiamenti climatici. “Il green deal è l’occasione per l’Europa per reinventarsi. La lotta al cambiamento climatico è un destino comune, non è possibile separare ambiente ed economia. Il Fondo per ripresa e resilienza sarà l’occasione per finanziare la transizione”, ha precisato la Metsola. 

“Dobbiamo controbattere la narrativa enti-europeista che si diffonde così rapidamente. La disinformazione che si è diffusa durante la pandemia ha alimentato il nazionalismo, l’autoritarismo, il protezionismo”, ha spiegato la neopresidente. “Sono illusioni false che non offrono soluzioni, perché l’Europa è esattamente l’opposto di questo”, ha aggiunto parlando in italiano.