Tonga: arrivati i primi aerei di soccorso con aiuti umanitari

In Mondo by Luca Teolato

Sono atterrati a Tonga i primi voli, che trasportano acqua potabile e altri aiuti umanitari, dopo che la pista del principale aeroporto è stata liberata dalla cenere dell’eruzione vulcanica. La Nuova Zelanda e l’Australia hanno inviato ciascuna aerei da trasporto militare che trasportavano contenitori d’acqua, kit per rifugi temporanei, generatori, forniture per l’igiene personale e attrezzature per le comunicazioni. L’aereo australiano aveva anche una speciale spazzatrice per aiutare a mantenere la pista libera. Le consegne sono state lasciate senza che il personale militare entrasse in contatto con le persone all’aeroporto di Tonga, per evitare l’insorgere di focolai di Covid-19.

“Questa assistenza aiuterà i nostri partner, il governo tongano, a soddisfare i bisogni della comunità tongana e a sostenere gli sforzi immediati di pulizia”, ha detto il ministro degli esteri australiano Marise Payne in un comunicato. “Molte case sono state distrutte e molte persone sfollate dallo tsunami”. Anche il Giappone ha fatto sapere che invierà aiuti di emergenza, tra cui acqua potabile e attrezzature per la pulizia della cenere vulcanica. Due aerei Hercules e una nave da trasporto con due elicotteri CH-47 Chinook dovrebbero partire in giornata, ha riferito il ministero della Difesa. Il ministro della Difesa giapponese. Nobuo Kishi. ha detto ai giornalisti che il suo ministero “farà tutto il possibile per il popolo di Tonga colpito dal disastro”.