Covid: le attività dove non sarà obbligatorio il green pass

In Cronaca by Eugenio Bernardo

Il presidente del consiglio Mario Draghi ha firmato il Dpcm per le attività commerciali con la lista dei negozi che non saranno obbligati a richiedere il green pass. Il decreto acquista efficacia e quindi le norme in esso contenute saranno obbligatorie a partire dal 1° febbraio 2022.

Si tratta, si spiega nel provvedimento, di quelle attività legate alle “esigenze essenziali e primarie della persona”, quindi “esigenze alimentari e di prima necessità”; “esigenze di salute” come “l’approvvigionamento di farmaci e dispositivi medici e alle strutture sanitarie” e “veterinarie”; “esigenze di sicurezza”; “esigenze di giustizia”.

Per quel che riguarda l’elenco delle attività, viene indicato il “commercio al dettaglio in esercizi specializzati e non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati e altri esercizi non specializzati di alimenti vari)”; “commercio al dettaglio di prodotti surgelati”; “commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati”. Nella lista è presente anche il “commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati”; “commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari”; “commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie, parafarmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)”.

“Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati”; “commercio al dettaglio di materiale per ottica”; “commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento”.

Resta l’obbligo del green pass per accedere alle poste e al tabacchino.