Ucraina, Amnesty: “Russia ha usato bombe a grappolo contro asilo”

In Mondo by Luca Teolato

Amnesty International ha condannato l’uso riferito da parte della Russia di munizioni a grappolo in Ucraina, affermando che un attacco a una scuola materna “potrebbe costituire un crimine di guerra”. L’organizzazione per i diritti umani ha dichiarato venerdì che “un razzo Uragan da 220 mm ha lanciato munizioni a grappolo sull’asilo nido e sull’asilo Sonechko nella città di Okhtyrka nell’Oblast di Sumy”. “L’attacco può costituire un crimine di guerra”, ha aggiunto. Amnesty ha detto che tre persone sono state uccise nel raid, incluso un bambino, mentre un altro bambino è stato ferito. “È sconvolgente assistere all’attacco indiscriminato di un asilo nido e di un asilo dove i civili cercano un rifugio sicuro. Chiaro e semplice, questo dovrebbe essere indagato come un crimine di guerra”, ha detto Agnes Callamard, segretario generale di Amnesty International. 

“È imperativo che gli Stati membri delle Nazioni Unite e la Cpi considerino urgentemente come garantire la raccolta e la conservazione tempestiva ed efficace delle prove di eventuali crimini ai sensi del diritto internazionale commessi in Ucraina”, ha aggiunto. Le munizioni a grappolo disperdono o rilasciano munizioni o bombe più piccole su un’ampia area, aumentando il potenziale di vittime e danni. Più di 100 Paesi si sono impegnati a non usare mai le armi ai sensi della Convenzione sulle munizioni a grappolo, ma né la Russia né l’Ucraina hanno firmato l’accordo. Anche Human Rights Watch ha affermato di aver identificato esempi di utilizzo di munizioni a grappolo in Ucraina.