Sanzioni alla Russia, il Consiglio Europeo trova l’accordo. Il testo dell’intesa

In Mondo by Eugenio Bernardo

Il Consiglio Europeo trova l’intesa sull’embargo al petrolio russo. I leader dei 27 Paesi, al termine di una trattativa lunga e più volte vicino a naufragare, hanno trovato una scappatoia per accontentare Viktor Orban e fornire adeguate garanzie ai Paesi senza sbocco sul mare. L’intesa prevede un embargo immediato al petrolio che arriva dalla Russia all’Ue via mare mentre rinvia lo stop al greggio trasportato attraverso l’oleodotto  Druzhba. La palla passa ora agli sherpa che dovranno analizzare quest’ultimo punto “il prima possibile”.

Ecco il testo delle conclusioni del Consiglio europeo sull’Ucraina, 30 maggio 2022

I. UCRAINA

1. Il Consiglio europeo condanna risolutamente la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Esorta la Russia a fermare immediatamente i suoi attacchi indiscriminati contro i civili e le infrastrutture civili ea ritirare immediatamente e incondizionatamente tutte le sue truppe e l’equipaggiamento militare dall’intero territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti. Le atrocità commesse dalle forze russe e la sofferenza e la distruzione inflitte sono indicibili. Il Consiglio europeo invita la Russia a consentire l’accesso umanitario immediato e il passaggio sicuro di tutti i civili interessati. Il Consiglio europeo si attende il pieno rispetto del diritto internazionale umanitario, compresa la Convenzione di Ginevra relativa al trattamento dei prigionieri di guerra.

2. Il Consiglio europeo elogia il coraggio e la determinazione del popolo ucraino e della sua leadership nella lotta per difendere la sovranità, l’integrità territoriale e la libertà del proprio paese. L’Unione europea è fermo nel suo impegno ad aiutare l’Ucraina a esercitare il suo diritto intrinseco all’autodifesa contro l’aggressione russa ea costruire un futuro pacifico, democratico e prospero. A questo proposito, continuerà a lavorare a stretto contatto con i partner internazionali.

Giustizia internazionale

3. Il Consiglio europeo elogia tutti coloro che contribuiscono alla raccolta di prove e alle indagini sui crimini di guerra e sugli altri crimini più gravi e sostiene l’intenso lavoro del Procuratore della Corte penale internazionale al riguardo. Saluta inoltre il lavoro svolto dal procuratore generale ucraino con il sostegno finanziario e di rafforzamento delle capacità dell’Unione europea e dei suoi Stati membri. Si compiace dell’istituzione di una squadra investigativa comune coordinata da Eurojust, il cui ruolo è stato rafforzato, e del supporto operativo in corso fornito da Europol. La Russia, la Bielorussia e tutti i responsabili saranno ritenuti responsabili delle loro azioni in conformità con il diritto internazionale.

Sanzioni

4. Il Consiglio europeo è impegnato a intensificare la pressione su Russia e Bielorussia per contrastare la guerra della Russia contro l’Ucraina. Il Consiglio europeo invita tutti i paesi ad allinearsi con le sanzioni dell’UE. Qualsiasi tentativo di aggirare le sanzioni o di aiutare la Russia con altri mezzi deve essere fermato.

5. Il Consiglio europeo conviene che il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia riguarderà il greggio, nonché i prodotti petroliferi, consegnati dalla Russia negli Stati membri, con un’eccezione temporanea per il greggio consegnato tramite oleodotto.

6. Il Consiglio europeo esorta pertanto il Consiglio a finalizzarlo e adottarlo senza indugio, garantendo un mercato unico dell’UE ben funzionante, una concorrenza leale, la solidarietà tra gli Stati membri e condizioni di parità anche per quanto riguarda l’eliminazione graduale della nostra dipendenza dalla Russia combustibili fossili. In caso di interruzioni improvvise della fornitura, saranno introdotte misure di emergenza per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento. A tale riguardo, la Commissione monitorerà e riferirà regolarmente al Consiglio sull’attuazione di tali misure per garantire condizioni di parità nel mercato unico dell’UE e la sicurezza dell’approvvigionamento.

7. Il Consiglio europeo tornerà quanto prima sulla questione dell’eccezione temporanea per il greggio consegnato tramite oleodotto.

Sostegno umanitario e finanziario

8. L’Unione europea continuerà a fornire sostegno all’Ucraina al fine di far fronte alle esigenze umanitarie, di liquidità e di ricostruzione.

9. Dall’inizio dell’aggressione russa, l’Unione europea ha intensificato il suo sostegno alla resilienza economica, sociale e finanziaria complessiva dell’Ucraina, anche fornendo aiuti umanitari. A tale proposito, il Consiglio europeo elogia i risultati della Conferenza internazionale dei donatori di alto livello organizzata congiuntamente da Polonia e Svezia.

10. L’Unione europea e i suoi Stati membri hanno fornito protezione a milioni di rifugiati in fuga dalla guerra in Ucraina e continuano ad impegnarsi ad accoglierli ea fornire loro sicurezza, anche aiutando i paesi vicini. Il Consiglio europeo invita la Commissione a presentare nuove iniziative per sostenere questo sforzo nell’ambito del quadro finanziario pluriennale.

11. L’Unione europea continuerà a sostenere il governo ucraino nelle sue urgenti esigenze di liquidità insieme ai suoi partner del G7. Riconosce il sostegno annunciato nel contesto del G7. L’Unione europea è pronta a concedere all’Ucraina una nuova assistenza macrofinanziaria eccezionale fino a 9 miliardi di EUR nel 2022. In tale contesto, il Consiglio europeo chiede l’esame della proposta della Commissione non appena sarà presentata.

12. La ricostruzione dell’Ucraina richiederà un sostegno completo per ricostruire il paese in futuro. L’Unione europea ei suoi Stati membri sono pronti a svolgere un ruolo importante in questo senso. Pertanto, dovrebbe essere presa in considerazione una piattaforma per la ricostruzione dell’Ucraina. Dovrebbe riunire il governo ucraino, l’Unione europea e i suoi Stati membri, la Banca europea per gli investimenti, nonché partner internazionali, istituzioni finanziarie, organizzazioni, esperti e parti interessate. Il sostegno dell’UE alla ricostruzione sarà legato all’attuazione di riforme e misure anticorruzione coerenti con il suo percorso europeo. Il Consiglio europeo invita la Commissione a presentare proposte su questa base.

13. Il Consiglio europeo accoglie con favore gli sforzi compiuti dagli Stati membri per prevedere nel loro diritto nazionale adeguate misure di confisca e invita il Consiglio a esaminare rapidamente la recente proposta della Commissione sulle misure di diritto penale in caso di violazione delle sanzioni dell’UE. Il Consiglio europeo sostiene ulteriori opzioni in linea con l’esplorazione attiva del diritto internazionale e dell’UE, comprese le opzioni volte a utilizzare i beni russi congelati per sostenere la ricostruzione dell’Ucraina.

Supporto militare

14. L’Unione europea continua inoltre a impegnarsi a continuare a rafforzare la capacità dell’Ucraina di difendere la propria integrità territoriale e sovranità. A tale riguardo, il Consiglio europeo accoglie con favore l’adozione della recente decisione del Consiglio di aumentare il sostegno militare all’Ucraina nell’ambito del Fondo europeo per la pace.

Sostegno economico

15. Il Consiglio europeo accoglie con favore l’adozione della decisione di sospendere per un anno i dazi all’importazione su tutte le esportazioni ucraine nell’Unione europea.

Supporto politico

16. Il Consiglio europeo prende atto della preparazione dei pareri della Commissione sulla domanda di adesione all’UE dell’Ucraina, della Repubblica di Moldova e della Georgia e tornerà sull’argomento nella riunione di giugno.

17. L’Unione europea e i suoi Stati membri intensificheranno i loro sforzi per raggiungere i paesi terzi al fine di sostenere l’Ucraina in tutte queste dimensioni, contrastare la falsa narrativa russa e la manipolazione delle informazioni e prevenire l’evasione e l’elusione delle sanzioni.

Impatto sui paesi vicini 18. Il Consiglio europeo segue da vicino l’impatto della guerra della Russia contro l’Ucraina sui paesi vicini e sui Balcani occidentali. Sottolinea la necessità di fornire tutto il sostegno pertinente alla Repubblica di Moldova mentre affronta le interconnesse crisi energetica ed economica e la pressione migratoria derivante dalla guerra. Il Consiglio europeo ribadisce la sua richiesta di porre fine alla repressione in Bielorussia e ricorda il diritto democratico del popolo bielorusso a elezioni nuove, libere ed eque.