Danni economici e umani dovuti ai cambiamenti climatici. Intervenire subito- di Arturo Di Mascio

In Politica by Roberto Cristiano

E’ innegabile che il cambiamento climatico può causare danni economici. E’ stato dimostrato proprio in questi giorni, anche da noi in Italia, con la tragedia nelle Marche che i disastri climatici sono distruttivi e hanno spesso effetti devastanti per le persone e l’ambiente. E’ vero che fare una precisa valutazione è difficile vista la mancanza di dati, i problemi di misurazione e la loro imprevedibilità.

Ma sono notevoli le  perdite economiche indotte da alluvioni e cicloni, basta guardare i danni a edifici e infrastrutture e perdite legate all’interruzione dell’attività economica. E poi i danni indiretti legati a mortalità, carestie, mancanza di acqua, migrazioni e perdite dovute all’interruzione delle catene di approvvigionamento.

Molti fattori contribuiscono ad aumentare i danni economici, ma naturalmente lo sviluppo e la crescita dei Paesi implica un numero maggiore di asset e persone esposti agli eventi climatici.

L’aumento di popolazione, benessere economico e sviluppo in alcune aree ad alto rischio sono state tra le principali ragioni per cui abbiamo visto maggiori perdite, ma anche l’aumento delle precipitazioni e della forza dei cicloni può aver giocato un ruolo.

I disastri naturali potrebbero di fatto sostenere la produttività delle aziende e promuovere la crescita sul lungo termine, dato che le società che sopravvivono ai disastri tendono ad aggiornare i loro stock di capitale e ad adottare nuove tecnologie.

I disastri rallentano temporaneamente la crescita distruggendo il capitale, ma non si verifica alcun rimbalzo perché i vari meccanismi di ripresa non riescono a compensare l’effetto negativo a breve termine della perdita di capitale.

E allora che fare? Partiamo da ciò che gli studiosi ci riferiscono.

Dunque vediamo già gli effetti previsti dagli scienziati, come la perdita di ghiaccio marino, lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali, l’innalzamento del livello del mare e ondate di calore più intense.

Gli scienziati prevedono che l’aumento della temperatura globale dovuto ai gas serra prodotti dall’uomo continuerà. Anche i gravi danni meteorologici aumenteranno e si intensificheranno. La Terra continuerà a riscaldarsi e gli effetti saranno profondi.

Il cambiamento climatico globale non è un problema futuro. I cambiamenti del clima terrestre causati dall’aumento delle emissioni umane di gas serra che intrappolano il calore stanno già avendo effetti diffusi sull’ambiente: i ghiacciai e le calotte glaciali si stanno riducendo, il ghiaccio di fiumi e laghi si sta rompendo prima, le aree geografiche di piante e animali si stanno spostando e le piante e gli alberi fioriranno prima. Ora si stanno verificando effetti che gli scienziati avevano previsto da tempo dovuti dal cambiamento climatico globale, come la perdita di ghiaccio marino, l’innalzamento accelerato del livello del mare e ondate di calore più lunghe e intense. “Preso nel suo insieme, la gamma di prove pubblicate indica che è probabile che i costi netti dei danni dei cambiamenti climatici siano significativi e aumenteranno nel tempo”.

Alcuni cambiamenti (come siccità, incendi e precipitazioni estreme) stanno avvenendo più velocemente di quanto gli scienziati abbiano valutato in precedenza. In effetti, secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) – l’organismo delle Nazioni Unite istituito per valutare la scienza relativa ai cambiamenti climatici – i cambiamenti osservati nel nostro clima globale avanzano velocemente e alcuni di questi cambiamenti sono irreversibili nei prossimi centinaia o migliaia di anni. Gli scienziati hanno ragione di credere che le temperature globali continueranno ad aumentare per molti decenni, principalmente a causa dei gas serra prodotti dalle attività umane. Il sesto rapporto di valutazione dell’IPCC, pubblicato nel 2021, ha rilevato che le emissioni umane di gas che intrappolano il calore hanno già riscaldato il clima di quasi 2 gradi Fahrenheit (1,1 gradi Celsius) dai tempi preindustriali (a partire dal 1750).1 La temperatura media globale dovrebbe raggiungere o superare 1,5 gradi C (circa 3 gradi F) entro i prossimi decenni. Questi cambiamenti interesseranno tutte le regioni della Terra.

Qual è la differenza tra cambiamento climatico e riscaldamento globale?

La gravità degli effetti causati dai cambiamenti climatici dipenderà dal percorso delle future attività umane. Più emissioni di gas serra porteranno a più estremi climatici e diffusi effetti dannosi in tutto il nostro pianeta. Tuttavia, questi effetti futuri dipendono dalla quantità totale di anidride carbonica che emettiamo. Quindi, se riusciamo a ridurre le emissioni, potremmo evitare alcuni degli effetti peggiori.

“L’aumento dell’entità del riscaldamento aumenta la probabilità di impatti gravi, pervasivi e irreversibili”.

E’ necessario prendere molto sul serio la sostenibilità. La politica di sostenibilità è deve essere al centro del problema e va perseguita nel modo più efficiente possibile.

La sostenibilità implica agire ora per proteggere l’ambiente per le condizioni di vita attuali e future.

Bisogna:

aumentare l’efficienza energetica;

aumentare l’uso delle energie rinnovabili;

misurare, riportare e ridurre le emissioni dirette e indirette di gas serra;

conservare e proteggere le risorse idriche attraverso l’efficienza, il riutilizzo e la gestione delle acque piovane;

eliminare i rifiuti, prevenire l’inquinamento e aumentare il riciclaggio;

sfruttare le acquisizioni di agenzie per promuovere i mercati di tecnologie sostenibili e materiali, prodotti e servizi ambientalmente preferibili;

progettare, costruire, mantenere e gestire edifici sostenibili ad alte prestazioni;

utilizzare le opzioni di gestione dell’alimentazione e ridurre il numero di data center delle agenzie;

sostenere la crescita economica e la vivibilità delle comunità;

valutare i rischi e le vulnerabilità dei cambiamenti climatici  e sviluppare misure di mitigazione e adattamento per gestire gli effetti sia a breve che a lungo termine dei cambiamenti climatici.

Arturo Di Mascio – economista