Ucraina, Conte: “Veri crimini di guerra, cercare soluzione politica”

In Italia, Politica by Luca Teolato

“Le notizie che arrivano da Bucha sono atroci. Penso che questi atti configurino dei veri crimini di guerra e i responsabili dovranno risponderne davanti alla Corte penale internazionale. Ma come Unione Europea non dobbiamo rispondere a queste atrocità con un’escalation militare, se vogliamo che termini questa carneficina dobbiamo lavorare con tutti gli strumenti a nostra disposizione per una soluzione politica”. Così in una intervista a La Repubblica il leader del M5S Giuseppe Conte. “Un conto è offrire il necessario sostegno all’Ucraina, altro è prolungare la guerra nella speranza di piegare la Russia”, sostiene Conte, per il quale “la collocazione atlantica dell’Italia non si discute ma non sempre gli interessi di Europa e Usa coincidono. Va inoltre evitato che la corsa al riarmo possa assorbire le risorse che invece dobbiamo destinare al rafforzamento dei nostri sistemi di sicurezza sociale e della transizione energetica”. Quanto infine ai rapporti con il Partito democratico, per l’ex premier “con il Pd non è in discussione il dialogo e la possibilità di continuare a costruire un’alleanza progressista, ma non dobbiamo nasconderci il fatto che su un tema non secondario stiamo registrando una distanza di sensibilità che tende a cristallizzarsi quando il Pd derubrica una nostra profonda convinzione a questione meramente elettorale”, conclude.